L’uomo ha un profondo legame con la natura e gli animali, che la “civiltà” moderna, con il suo inquinamento e la sua industria, non è per fortuna ancora riuscita ad eliminare.

Tuttavia, oggi si tende a creare legami soprattutto con gli animali domestici, per lo più i cani ed i gatti.

L’amore per gli animali non si limita a questo: non sto di certo consigliando di comprare una tigre o un coccodrillo, ma mi accorgo sempre più che gli appassionati di animali costituiscono una stretta minoranza.

Esistono numerosi programmi di approfondimento, ma sono rivolti ad un pubblico specifico e minore. Sono programmi di nicchia. Le grandi masse difficilmente guardano i documentari proposti spesso su reti a pagamento o ad orari improbabili.

Dalle mie ricerche in internet, risulta invece che sono i giovanissimi, per lo più gli studenti che preparano ricerche per la scuola, a cercare gli animali. La loro attenzione è spesso rivolta agli elenchi di animali.

Si cercano gli animali dalla A alla Z, per esempio.

Quello che è fondamentale comprendere, quando ci si relaziona con il mondo animale, è che la natura ha seguito un ordine che l’evoluzione non è mai riuscita a smentire.

Per questo, più che di elenco di animali o di lista di animali, si dovrebbe parlare di classificazione di animali!

Sin dai primi studi effettuati in tempi molto antichi, infatti, si è compreso che gli animali non sono “elencabili”, come potrebbero essere i sali minerali, i composti chimici o quant’altro, ma, la varietà incredibile del loro patrimonio genetico li rende talmente ricchi di diversità da rendere inutile ogni lista od elenco.

Invece, un approccio molto più corretto, è quello della classificazione, che può avvenire su vari livelli.

Una classificazione, infatti, diversamente da un elenco, è in grado di ricomprendere secondo un ordine gerarchico gli animali in base alle loro caratteristiche.

La più semplice è quella relativa ai luoghi in cui gli animali vivono; abbiamo così animali che possono volare, come gli uccelli, animali che vivono a terra, animali che vivono in acqua o animali anfibi che possono vivere sulla terra, come sull’acqua.

Ci sono poi classificazioni relative alle caratteristiche fisiche, per esempio, quella più comune, tra vertebrati e invertebrati, come questa:
1) Elenco degli animali invertebrati

spugne
celenterati
vermi
molluschi
artropodi
echinodermi
2) Elenco degli animali vertebrati

anfibi
rettili
uccelli
mammiferi
pesci

A questo proposito, ho preparato articoli relativi agli animali suddivisi in questo elenco.

 

mammiferi uccelli pesci
 Mammiferi Uccelli Pesci
anfibi rettili invertebrati
Anfibi Rettili Invertebrati

Tuttavia, l’unica classificazione che ci permette di entrare in contatto con il mondo degli animali, è quella, avviata da Linneo, che oggi  chiamiamo classificazione scientifica di animali.

L’unica lista che ritengo utile è quella dell’elenco di animali a rischio estinzione. Una lista di animali che purtroppo, salvo rari casi, è tristemente in aumento, ma che noi non vorremmo nemmeno che esistesse.

About these ads